Perché l’intento di ricerca è la chiave per comprendere la ricerca di parole chiave?

keywords research

Derek Iwasiuk

Chiunque faccia ricerche di parole chiave senza la comprensione di che cosa vuol dire intento di ricerca sta facendo una follia. Non preoccuparti nemmeno. La maggior parte degli acquisti avviene online in questi giorni. Ma ci sono molti passaggi tra la prima ricerca di un utente e la conclusione di una transazione. Un acquirente potrebbe probabilmente effettuare numerose query di ricerca lungo la strada.

Se si desidera catturare quell’utente e trasformarlo in un cliente, è necessario conoscere la sua intenzione di ricerca. Lavora con la ricerca di parole chiave su ciò che la tua base di clienti ha bisogno. Ciò contribuirà a massimizzare il tuo investimento. Ciò è particolarmente vero quando si esegue una campagna pay-per-click (PPC) oltre a ottimizzare quella organica.

Le campagne PPC possono essere costose ma, se affiancate dall’intento di ricerca corretto, valgono la pena.

Attraverso l’intento di ricerca, sarai in grado di guidare i tuoi clienti lungo il percorso giusto verso la conversione. Diamo un’occhiata a quale sia l’intento di ricerca e in che modo può essere d’aiuto nella ricerca delle parole chiave.

Cosa è l’intento di ricerca?

L’intento di ricerca è una parte essenziale della ricerca di parole chiave per campagne organiche e a pagamento. Se non capisci perché un utente sta cercando un termine in particolare, non sapresti da dove iniziare la tua ricerca. In pratica stai buttando via i tuoi soldi. È solo una questione di tempo prima che la tua intera campagna fallisca.

Concentrandoti sull’intento di un utente, raggiungerai il giusto tipo di persone per il tuo prodotto.

Diamo un’occhiata a un esempio. Supponiamo che un ragazzo che vive a Vicenza sta cercando di comprare un nuovo telefono. In questo caso, diciamo un iPhone X. Ci sono molti modi in cui può farlo.

Forse ha sentito qualcuno delirante mentre era in fila in un negozio Starbucks. Non ne sa nulla ma ha suscitato il suo interesse. Va su Google e fa una ricerca sul web. Chiederà qualcosa come “Cos’è l’iPhone X?”.

Oppure è anche possibile che ne sia a conoscenza, ma ha bisogno di vedere se è migliore del suo attuale telefono, un Galaxy 8. Quello che probabilmente farà è cercare “iPhone X vs Galaxy 8” o qualcosa del genere.

Un’altra possibilità è che il nostro amico è un acquirente d’impulso e non ha bisogno di ulteriori ricerche. Si fida del marchio e non vedeva l’ora di mettere le mani su quel telefono. Cerca “Acquista iPhone X” o “Dove acquistare iPhone X.”

Ci sono altri modi in cui può esprimere la domanda, ma ciò che è vero in tutti i casi è che l’utente intende fare qualcosa. Vuole imparare, fare ulteriori ricerche o acquistare il telefono. Non è irragionevole pensare che tutti lo farebbero allo stesso modo.

Concentrarsi sull’intento di ricerca ti aiuterà ad abbinare le tue parole chiave a ciò che gli utenti probabilmente cercheranno. Saresti in grado di rispondere direttamente alle loro preoccupazioni. Se fornisci i dati più rilevanti ai tuoi utenti, essi ti guarderanno come una fonte credibile di informazioni.

I diversi tipi di intenti di ricerca

L’intento di ricerca è classificato in tre categorie: informativo, di navigazione e transazionale. Conoscere la differenza tra i tre ti aiuterà a definire meglio il tipo di risultati che gli utenti si aspettano di trovare. Andiamo avanti e capiamoli tutti.

Informativo

Usiamo il nostro esempio precedente. Quando l’utente ha cercato “Qual è l’iPhone X?”, cercava di ottenere maggiori informazioni sul prodotto. In questa fase, l’utente mostra un certo interesse ma non abbastanza per comprare subito. Queste sono quelle che chiamiamo query informative.

I termini di ricerca che rientrano in questa categoria sono solitamente parole chiave a basso impatto. Ciò significa che gli utenti stanno mostrando alcuni segni di acquisto ma non abbastanza da giustificare il loro targeting tramite campagne PPC.

Tutte le parole chiave di natura informativa dovrebbero invece essere utilizzate in pagine di articoli, blog o contenuti video. Il contenuto dovrebbe corrispondere alla query. Nel nostro esempio, una breve descrizione del prodotto dovrebbe essere sufficiente. Ricordati, Google farebbe del suo meglio per fornire risultati più vicini a ciò che l’utente sta cercando. In questa istanza, una pagina di articolo si comporterebbe meglio in quanto la query non ha natura transazionale.

Navigazione

“IPhone X vs Galaxy 8” è un tipo di query di navigazione. L’utente sta cercando un particolare tipo di contenuto come una pagina di recensione. Vuole fare confronti con le specifiche e per farlo, avrebbe bisogno di una pagina che elenca i pro e i contro di ciascun dispositivo.

I termini di ricerca che mirano a raggiungere un determinato sito sono considerati di navigazione. Quindi lo stesso utente potrebbe avere Google “sito web Apple”, e avrebbe comunque contato come navigatore.

In questo caso, l’intenzione dell’utente ad acquistare è più chiara. Realizzare contenuti come guide e simili sarebbe perfetto in questo caso. Articoli come “Dovresti eseguire l’aggiornamento a iPhone X” o “10 motivi per cui dovresti comprare il nuovo iPhone” potrebbero essere ciò che questo utente sta cercando. Essere in grado di rispondere a domande sull’iPhone X e sulla sua concorrenza ti porterebbe sicuramente nelle SERP.

Transazionale

Le parole chiave che rientrano nelle query transazionali sono quelle che chiamiamo parole chiave ad alto contenuto commerciale. Quando gli utenti utilizzano termini come “Acquista iPhone X”, sai esattamente il tipo di informazioni che cercano.

iPhone X

Come noterai, la ricerca di “Acquista iPhone X” fa comparire diversi annunci nelle SERP. Questi sono i siti che hanno lanciato campagne PPC che hanno come target parole chiave altamente transazionali come questa. Naturalmente, ci sono altre parole chiave che puoi usare come “sconti”, “offerte”, “coupon” o anche “spedizione gratuita”. Questi sono tutti termini che qualcuno con l’intento di acquistare userebbe per avvicinarsi al suo obiettivo.

Le query transazionali hanno un’alta probabilità di conversione. BrightEdge, una società di SEO che si concentra sulla trasformazione dei contenuti online in risultati aziendali tangibili, ha esaminato questo aspetto. In un articolo che hanno pubblicato intitolato Google SERP Layout Changes, hanno tentato di demistificare i primi 3 o 4 annunci visualizzati oggi nelle SERP.

Lo studio ha rivelato quanto segue:

  • Il 23 percento di tutti gli argomenti di ricerca online eseguiti sul motore di ricerca di Google negli Stati Uniti ora presenta il nuovo layout della pagina di ricerca con quattro annunci nella parte superiore della pagina.
  • Le query di ricerca con intento di acquisto (transazionale) sono sei volte più probabili rispetto a tutte le altre ricerche per visualizzare quattro annunci.
  • Le query di ricerca con intento di scoperta (informativo) hanno una percentuale di clic (CTR) superiore del 69 percento per i primi cinque risultati di ricerca, rispetto alle ricerche di intenti di acquisto (transazionali).

La loro ricerca solo dimostra che conoscere l’intento di ricerca e identificare quelli che sono transazionali può solo avvantaggiare un’azienda.

Posizionarsi per le migliori parole chiave basate sull’intento

Prova a metterti nei panni di un utente. Quando fai qualcosa su Google, ti aspetti risultati significativi. Utilizzalo come guida per la creazione di parole chiave e contenuti. Non dare loro contenuti obsoleti. Rispondi alle loro domande in modo sincero. Mostra loro tutte le loro opzioni. Lo sviluppo di pagine basate sull’intento di ricerca aumenterà l’autorità del tuo sito nel tuo campo.

Per le query informative e di navigazione, è qualcosa che devi parlare con il tuo team di contenuti. Devi trovare una strategia che sfrutti tutte le parole chiave che si adattano al tuo marchio.

Non appena queste pagine si posizionano, gli utenti saranno in grado di trovare i tuoi contenuti molto più velocemente. Utilizzeranno le tue pagine per fare ricerche. Come accennato in precedenza, questo aiuta a stabilire il tuo sito come un’autorità nel tuo campo. Quando sono pronti ad acquistare, guarderanno al tuo marchio come la loro risorsa per le loro esigenze.

C’è anche un altro vantaggio per classifica in base all’intento di ricerca. Altri siti saranno veloci a collegarsi mentre fanno riferimento ai tuoi contenuti. Questo porta più persone al tuo sito. Segnala inoltre a Google il valore che porti ai tipi di query per i quali ti stai posizionando. Ciò porterebbe a maggiore risalto nei risultati di ricerca.

Trovare le parole chiave per le query transazionali richiede una strategia ancora più profonda. Questi sono, dopotutto, gli stessi termini di alto valore che i concorrenti stanno cercando di classificare. Qualsiasi pagina progettata per competere per le query transazionali richiede più delle giuste parole chiave.

Devi dare un’occhiata lunga alle tue pagine. L’aspetto della pagina determinerà se gli utenti continueranno a utilizzare il tuo sito. Chiedilo a te stesso:

  1. Gli utenti troveranno difficile acquistare dal mio sito?
  2. Saprebbero dove andare dopo?
  3. Quali pulsanti di call-to-action sono stati inseriti?
  4. Mancano informazioni sul prodotto che dovrei rendere disponibile?
  5. Ho aggiunto del testo che gli utenti potrebbero trovare offensivo o poco chiaro?
  6. Il sito è abbastanza semplice da usare?
  7. Quanto è sicuro il mio sito per gli acquisti online?
  8. Quali politiche ho in atto e sono visualizzate in modo visibile sul mio sito?
  9. Le immagini che uso rappresentano accuratamente il prodotto che sto vendendo?
  10. Ho testimonianze positive da clienti soddisfatti?
  11. Se ho sconti o promozioni in corso, le informazioni sono presenti in qualsiasi punto del sito?
  12. Ci sono elementi di distrazione che dovrei eliminare?
  13. Sono presenti dettagli di contatto? Come i clienti possono mettersi in contatto con me se hanno domande?
  14. Il mio sito web si carica rapidamente o impiega troppo tempo?
  15. Il mio sito è ottimizzato per l’uso mobile?

Se il mio prodotto deve essere dimostrato, ci sono video disponibili per mostrare agli utenti come dovrebbe essere usato?

Queste e molte altre considerazioni on-site dovrebbero essere attentamente esaminate prima del lancio.

Quale strumento dovresti usare per trovare le parole chiave?

Esistono molti strumenti che potresti utilizzare per trovare le parole chiave in base all’intento di ricerca. Per iniziare, puoi utilizzare Google stesso per testare i termini e vedere quale tipo di contenuto viene esibito. È un buon punto di partenza. Il completamento automatico di Google, ad esempio, ti darebbe un’idea dei termini che le persone stanno cercando al momento. Quindi puoi utilizzare i seguenti strumenti per espandere ulteriormente il tuo elenco di parole chiave.

Adwords

Google AdWords è uno strumento collaudato e utilizzato da centinaia, se non migliaia, di specialisti SEO. All’interno di AdWords troverai lo Strumento di pianificazione delle parole chiave. Sebbene sia principalmente utilizzato per le campagne pubblicitarie, può essere altrettanto efficace nel trovare parole chiave organiche. Puoi persino personalizzare la ricerca per parole chiave diverse.

Qui puoi cercare nuove parole chiave, conoscere il volume di ricerca, ottenere previsioni di traffico e moltiplicare gli elenchi di parole chiave per ottenere nuove idee.

Puoi anche utilizzare idee di gruppi di annunci che aiutano con la SEO. Questi contengono parole chiave correlate che potrebbero non essere visualizzate nelle generiche di parole chiave. Osserva le ricerche mensili medie, la concorrenza e altre metriche che lo strumento mette a tua disposizione. Ti dirà parole chiave pertinenti che potresti scegliere come target.

KWFinder

KWFinder

KWFinder si concentra maggiormente sulla ricerca per parole chiave a coda lunga. Lo strumento ti mostrerà dati importanti come trend, volume di ricerca, CPC e il livello di difficoltà nei risultati. Vedrai anche quali siti web si posizionano per le parole chiave, da dove tali siti sono collegati, i loro numeri di social media e il traffico.

SEMRush

SEMRush

SEMRush si presenta come uno sportello unico per le tue esigenze SEO. Alcune delle cose che fanno includono:

  • Esecuzione di ricerche SEO e PPC
  • Esecuzione della ricerca per parole chiave (corrispondenze e corrispondenze di frasi)
  • Fare ricerche per parole chiave a coda lunga
  • Fornire database regionale per SEO internazionale
  • Fare analisi competitive

Answer the Public

Answer_the_public

Answer the Public usa un tipo di formato “chi, cosa, quando, dove e come”. Fornisce un elenco di termini di ricerca utilizzati dalle persone. Il modo migliore per capire come funziona il sito è provarlo tu stesso. Inserisci un termine di ricerca. Successivamente, ti mostrerà domande e termini che potresti utilizzare durante la creazione di contenuti.

È facile da usare e, soprattutto, è gratis!

Conclusione

Non iniziare mai la ricerca per parola chiave senza comprendere l’intento di ricerca. Inoltre, ricorda che le parole chiave che finisci per utilizzare dovrebbero essere adattate al tuo sito e al tuo prodotto. Solo perché il tuo concorrente usa le stesse parole chiave non significa che dovresti farlo anche tu. Ci sono aziende che mettono in evidenza i contenuti per attirare le persone che tendono ad acquistare d’impulso. Ma poi di nuovo, ci sono anche quelli che farebbero meglio a produrre contenuti informativi e di alto valore.

Utilizza la tua nuova conoscenza dell’intento di ricerca per dominare le competitive SERP di Google. Usa gli strumenti elencati qui per tenere traccia dei tuoi progressi. E trovare continuamente nuove parole chiave da usare. Mentre gli utenti cercano nuove informazioni, emergeranno nuove parole chiave. Usa questa opportunità per sviluppare le tue strategie organiche e a pagamento.

 

 

 

 

Trova questo e anche altri articoli di web marketing su Google+.

Copyright ® Derek Iwasiuk. Traduzione in italiano autorizzata dall’autore, originalmente publicato in inglese sul suo sito.

Lascia un commento