Nozioni basilari di reindirizzamento 301

Come fare reindirizzamento 301 e 302 in modo efficace

 

Derek Iwasiuk

Nella tua attività di gestione del tuo sito web aziendale, affronterai questione tecniche di SEO lungo il percorso e una di queste è il reindirizzamento 301.

Se non hai sentito parlare di un reindirizzamento 301, è un modo per dire ai motori di ricerca che una pagina del tuo sito o dell’intero dominio è stata “reindirizzata” in un nuovo luogo. Questo nuovo luogo può essere un nuovo dominio o una pagina diversa nello stesso dominio.

Ora, perché ti dovrebbe interessare un reindirizzamento 301 se sembra troppo tecnico per il tuo lavoro quotidiano e qualcosa che non vorresti affrontare da solo?

Nel presente articolo chiariremo il perché. Qui scoprirai cos’è un reindirizzamento 301, quali sono i vantaggi per la tua SEO e i tuoi visitatori web oltre come implementarlo senza perdere SEO.

 

Che cos’è il reindirizzamento 301 e perché dovrei preoccuparmene?

Di nuovo, i reindirizzamenti 301 sono istruzioni “ferme” che conducono un visitatore del sito web da un URL all’altro.

Supponiamo che tu sia un visitatore che desidera visitare il sito web https://wxyz.com. Mentre inserisci l’indirizzo, verrai indirizzato a https://xyz.com. Ciò significa che sei arrivato a un altro URL diverso da quello che hai inserito inizialmente.

Tieni presente che i reindirizzamenti 301 sono reindirizzamenti permanenti, a differenza dei 302 che sono reindirizzamenti temporanei. Ne parleremo più avanti nell’articolo.

Di seguito sono riportati i motivi più comuni per cui potresti volere inviare persone ad un’altra pagina del tuo sito o ad un altro dominio che ti piace:

Ragioni comuni per utilizzare il reindirizzamento 301

  1. Cambiare marchio o cambiare il nome della tua attività

Se mai un giorno vorresti cambiare il tuo vecchio marchio aziendale per uno nuovo, questo significa che dovrai cambiare anche il nome del tuo dominio.

Abbattere il dominio precedente e crearne un altro è un processo che richiede molto tempo e questo può rendere confusi visitatori e clienti del sito. Inoltre, offrirai al tuo pubblico una user experience (UX) scadente ogni volta che visiteranno il tuo vecchio sito e visualizzeranno una pagina di errore 404.

  1. Aggiornamento di pagine del tuo sito

Un altro motivo per implementare un reindirizzamento 301 è aver creato una nuova pagina con contenuti migliori e volere che i visitatori di una vecchia pagina trovino quella nuova pagina.

Ad esempio, se la pagina di prodotto sul tuo sito di e-commerce ottiene un sacco di traffico ma stai cercando di creare una versione migliorata di quella pagina, non dovresti preoccuparti di perdere il traffico della tua vecchia pagina poiché il reindirizzamento porta il tuo traffico esistente a quella nuova pagina.

I proprietari dei siti eseguono il reindirizzamento 301 per diversi obiettivi. Sia che tu voglia un vanity URL, che abbia ridisegnato le tue pagine, creato un nuovo sito o una correzione di un URL che non funziona più, un reindirizzamento ti consente di assegnare un nuovo URL alla posizione a cui stai portando i tuoi visitatori.

La parte migliore di questo è che crea un’esperienza seamless per il pubblico, indipendentemente dalle modifiche apportate.

Reindirizzamento 301 e SEO

Mentre ci sono molti altri tipi di reindirizzamento, ti consigliamo di impostare un reindirizzamento 301 perché conserva il valore SEO. Cosa significa questo?

Puoi pensare a un reindirizzamento 301 come qualcuno che si trasferisce in una nuova casa. Manco a dirlo, quella persona porterà con sé tutti i suoi oggetti preziosi.

È fantastico utilizzare il reindirizzamento 301 perché è l’unico tipo di reindirizzamento che ti consente di conservare tutto ciò per cui hai lavorato duramente per anni: il tuo traffico organico e i backlinks.

Ecco cosa dice Moz sull’utilizzo di un reindirizzamento 301 per trasferire fino al 99% della potenza SEO a un nuovo URL:

Cosa dice MOZ in merito al reindirizzamento 301

Con il reindirizzamento 301 permanente, i motori di ricerca indicizzeranno il nuovo URL anziché quello vecchio, passandogli la fiducia e il posizionamento dell’URL precedente.

 

Quando si tratta del problema di contenuto duplicato, il reindirizzamento 301 costituisce un’ottima soluzione se si scopre che il sito web presenta diverse pagine con contenuti duplicati.

Puoi semplicemente reindirizzare tutte quelle pagine duplicate alla pagina che è posizionata più in alto. È quello che i motori di ricerca indicizzeranno senza correre il rischio di essere penalizzati.

Il reindirizzamento 301 rispetto al reindirizzamento 302

Molte persone si chiedono quale sia la differenza tra un reindirizzamento 301 e 302. Le differenze sono piuttosto sottili e senza fare attenzione si può facilmente rovinare la sua SEO.

In che modo questi due reindirizzamenti differiscono l’uno dall’altro e quale è il migliore da utilizzare per la SEO?

Ho già detto in precedenza che un reindirizzamento 301 è solo una mossa temporanea. Essendo un reindirizzamento temporaneo, significa nel futuro dovrai riportare i visitatori del tuo sito alla pagina reindirizzata.

Ricordati che in un reindirizzamento 302, nessuna proprietà viene passata dalla pagina reindirizzata alla nuova pagina. Inoltre, può potenzialmente danneggiare il posizionamento SEO per i seguenti motivi:

  • Suddivisione di popolarità di link tra i due URL
  • Problemi di contenuto duplicato
  • Indicizzazione continua del sito o della pagina reindirizzata nonostante la sua temporanea mancanza di manutenzione o ottimizzazione

I gestori di siti scelgono solitamente un 302 per le prove A/B con le pagine web oppure quelle che temporaneamente portano i clienti a pagine con offerte stagionali.

Fai attenzione quando usi un reindirizzamento perché ogni reindirizzamento ha uno scopo diverso. Evita di commettere l’errore di utilizzare un reindirizzamento 302 se cerchi di mantenere la SEO godendo il vantaggio di una nuova pagina o sito.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del reindirizzamento 301?

Fatto bene, il reindirizzamento 301 ti consente di usufruire di questi vantaggi:

  • Previene i brutti errori di pagina che distraggono il pubblico: le persone che hanno salvato le tue pagine per la lettura futura e i visitatori fedeli verranno indirizzati senza problemi al tuo URL preferito. Ciò mantiene soddisfatti i tuoi migliori clienti.
  • Mette al sicuro il traffico duramente conquistato del tuo sito: il reindirizzamento 301 impedisce ai tuoi visitatori di perdersi reindirizzandoli al tuo nuovo URL quando visitano il tuo vecchio URL.
  • Mantiene il tuo posizionamento nei motori di ricerca: gli spider dei motori di ricerca indicizzano automaticamente la tua nuova pagina o il tuo sito, allo stesso tempo, rilasciano quello vecchio dal suo indice. Se hai un ottimo profilo di backlink, assicurati che questo sarà trasferito al tuo nuovo URL.

Dovresti sapere che i reindirizzamenti non arrivano senza rischi. Qui ci sono possibili pericoli da considerare se non stai attento con i tuoi reindirizzamenti 301:

  • Link errati che puntano al tuo nuovo URL: il reindirizzamento dell’intero dominio danneggia il tuo SEO se hai un sacco di link di bassa qualità che puntano ad esso. Quindi, prima ancora di prendere in considerazione il reindirizzamento, assicurati di controllare il tuo profilo di backlink e scoprire se sei stato penalizzato.
  • Il tuo URL originale sarà trattato come un “soft 404”: non aspettarti che le classifiche SEO vengano mantenute o aumentate se si reindirizza a pagine irrilevanti. Secondo Moz, Google lo considera un errore di 404 (“pagina non trovata”). Di conseguenza, non si beneficia di alcun beneficio SEO.
  • Un reindirizzamento 301 tra domini potrebbe richiedere del tempo: mentre gli spider dei motori di ricerca accrediteranno il tuo nuovo dominio e gli passeranno il valore SEO del tuo vecchio dominio, non possiamo dire in quanto tempo ciò avverrà.

Come reindirizzare una pagina ad un’altra senza perdere valore SEO

Di seguito sono riportati i modi corretti per reindirizzare il tuo dominio o le tue pagine:

  1. Utilizzare un plug-in di reindirizzamento di WordPress

Il modo più semplice per impostare un reindirizzamento 301 su WordPress (se lo si utilizza come CMS) è utilizzare un plug-in di reindirizzamento. È possibile utilizzare il plugin WordPress “Redirection”: è uno strumento popolare utilizzato da molti proprietari di siti.

Cerca e installalo nel tuo WordPress pannello di controllo:

Plugin di WordPress per il reindirizzamento

Dopo aver attivato il plugin, vai su Strumenti> Reindirizzamento. Inserisci nel campo “URL di origine” il tuo vecchio URL e il campo “URL di destinazione” inserisci il tuo nuovo URL:

Plugin WordPress Redirection

  1. Reindirizzamento per Apache

Implementa un reindirizzamento 301 su un webserver Apache modificando il codice dello script nel file .htaccess. Il tuo web hosting può aiutarti ad accedere a questo file. In caso contrario, puoi creare un .htaccess e salvarlo nella directory principale del tuo vecchio dominio.

Iniziare a reindirizzare le tue pagine aggiungendo una delle seguenti righe di codice al file a seconda che tu debba reindirizzare una determinata pagina o l’intero dominio.

Reindirizzare una pagina ad un’altra pagina:

RedirectPermanent /old-file.html http://www.yourdomain.com/new-file.html

Reindirizzare un intero dominio:

RedirectPermanent / http://www.yournewdomain.com/

  1. Reindirizzamento per pagine in PHP

Aggiungi questo codice nel file youroldwebpage.php:

<?php

header(“HTTP/1.1 301 Moved Permanently”);

header(“Location: http://www.newdomain.com/page.html”);

exit();

?>

  1. Reindirizzamento per la piattaforma ASP (Active Server Pages)

Aggiungi questa riga di codice nel file youroldwebpage.asp:

<%@ Language=VBScript %>

<%

Response.Status=”301 Moved Permanently”

Response.AddHeader “Location”, “http://www.new-url.com”

%>

  1. Reindirizzamento in ASP .NET

Aggiungi questa riga di codice nel file youroldwebpage.aspx:

<script language=”c#” runat=”server”>

private void Page_Load(object sender, System.EventArgs e)

{

Response.Status = “301 Moved Permanently”;

Response.AddHeader(“Location”,”http://www.new-url.com”);\

}

</script>

 

  1. Reindirizzamento tramite Internet Information Services (IIS) su un server Microsoft Windows

È possibile accedere alla gestione di Internet Information Services nella finestra Strumenti di amministrazione.

Quando sei già in Gestione IIS, fai clic con il pulsante destro del mouse sul file che desideri reindirizzare. Scegli l’opzione “reindirizzamento a un URL”. Quindi, inserisci la pagina precedente o di reindirizzamento. Scegli queste due opzioni: “L’URL esatto inserito sopra” e “Un reindirizzamento permanente per questa risorsa.”

Infine, fai clic su “Applica”.

Errori di reindirizzamento 301 da evitare

Quali sono alcune delle più comuni insidie nei reindirizzamenti 301 che possono rovinare la tua SEO e le esperienze online del tuo pubblico?

  1. Costruire catene di reindirizzamento

Una catena di reindirizzamento si verifica quando diversi reindirizzamenti si verificano tra il tuo vecchio URL ed il nuovo. Invece che i visitatori del tuo sito arrivino immediatamente al loro URL di destinazione, vengono reindirizzati da qualche altra parte.

Idealmente, ci dovrebbero essere solo due URL coinvolti in un reindirizzamento 301: il vecchio URL e il nuovo URL.

Sia che tu abbia dimenticato di aver reindirizzato la pagina A alla pagina B e la pagina reindirizzata da B a C, o che tu abbia eseguito più lanci di siti nel tempo, sappi che ogni reindirizzamento aggiunto alla catena diminuisce il beneficio SEO che viene trasferito alla nuova destinazione.

Inoltre, le catene di reindirizzamento rallentano le tue pagine. Ricorda che la velocità è importante per il successo del tuo sito aziendale poiché mantiene i visitatori più a lungo e aumenta le tue conversioni.

  1. Passaggio ad un nuovo dominio prima di impostare un reindirizzamento 301

Ricorda che quando ti trasferisci sul nuovo dominio, i motori di ricerca eseguiranno la scansione di questo dominio. Un errore da evitare a tutti i costi è la migrazione dei contenuti in un nuovo dominio senza prima implementare un reindirizzamento 301.

Ricordati che i reindirizzamenti 301 spostano i benefici dei link alla nuova destinazione in modo che possa essere scansionato e indicizzato. Effettua il reindirizzamento prima di passare al tuo nuovo dominio.

  1. Utilizzo inconsapevole di un reindirizzamento 302 anziché 301

Molti proprietari di siti che non sanno cosa sia un reindirizzamento 301, utilizzano erroneamente un reindirizzamento 302. Poiché quest’ultimo è temporaneo, vedranno un crollo nelle loro classifiche e in tutto ciò per cui hanno lavorato duramente. Inoltre, i motori di ricerca continueranno ad indicizzare il tuo vecchio URL e ritengono che quello nuovo sia la versione duplicata.

Se pianifichi di impostare presto un reindirizzamento, controlla se il software di gestione del tuo sito abbia un reindirizzamento 301 o 302 come impostazione predefinita. Seleziona sempre il reindirizzamento corretto in base alla tua situazione.

Non utilizzare un 301 per un cambio temporaneo e 302 per uno permanente.

  1. Collegamento interno a pagine che reindirizzano ad altri URL

Questo è un altro scenario che crea un’esperienza terribile per i visitatori del sito. Mentre il collegamento interno (che collega una pagina all’altra sullo stesso sito) è un eccellente metodo di SEO, ciò che lo rende sbagliato è il collegamento ad una pagina che reindirizza i tuoi lettori altrove.

Le persone potrebbero arrivare ad una pagina con un contenuto diverso da quello che si aspettavano.

Per risolvere il problema, scarica il tuo elenco di link interni da Google Search Console. Sarai in grado di identificare i collegamenti al reindirizzamento degli URL usando Screaming Frog SEO Spider.

Conclusione

Un reindirizzamento 301 è un tipo di reindirizzamento preferibile sia per gli utenti che per i motori di ricerca. Se vuoi che il beneficio SEO venga trasferito definitivamente alla tua posizione preferita, un reindirizzamento 301 è la strada da percorrere.

Mentre impostare questo reindirizzamento sembra semplice, errori come l’inconsapevole uso di un 302, catene di reindirizzamento e molto altro, minano i tuoi sforzi.

Utilizza un reindirizzamento 301 in modo corretto e sicuro seguendo questa guida e sarai certo di ottenere qualsiasi scopo desideri (aggiornare le tue pagine e rebranding della tua attività) preservando al tempo stesso la tua SEO.

 

Trova questo e anche altri articoli di web marketing su Google+.

Copyright ® Derek Iwasiuk. Traduzione in italiano autorizzata dall’autore, originalmente publicato in inglese sul suo sito.

 

Lascia un commento