How important keyword research is for SEO

How important keyword research is for SEO

by Ticiano Sgarbi June 22, 2020
ricerca di parole chiave su google - aeroporto di venezia

 

We already know that SEO (search engine optimization) aims to increase the organic traffic of a page of a website. Not traffic of any kind, but traffic aligned with page’s target: a service, a product, or even a message. To do this, SEO uses keywords that are introduced in search engines such as Google by users, when searching for a specific topic. Now let’s understand how SEO deploys its strategy in choosing which words to use: the keyword research.

What are keywords?

Before researching the keywords, let's go into detail understanding what keywords are. That said,keywords are the terms used by users to perform queries on search engines such as Google or Bing.

So, yes, there are virtually infinite keywords. Try to imagine all the words you know and all their possible combinations. Not only that: add all the languages that exist and combinations of languages. Finally: also consider the crippled versions of the words. In fact, it might seem strange, but this happens very often. For example, the keyword "cappuccino" is introduced on Google on average 1,080,000 times in 1 year, in the US alone. At the same time, the crippled "cappucino" version is used 48,800 times. Not bad in quantity, isn’t it?

In addition, slightly different keywords such as "London airport", "London airports" and "airport London", among other variations, are also different keywords. Each one has a particular research volume, quantity of clicks, and degree of difficulty different from the other. Not rarely, these similar keywords may have even a different search intent.

Understanding these nuances is absolutely essential to choose the keywords that will allow our website content to achieve its goals. Whether it is about selling a product or service or conveying a certain message, the mechanics are always the same.

Now let's see how to choose the best keywords for your content.

What is keyword research?

Now that we understand what keywords are, let's see what the keyword search is. Unfortunately, the understanding of the importance of keyword research is insufficient even in the world of SEO experts and consultants.

La ricerca di parole chiave o That said, è l’attività in cui si scelgono le parole più importanti da essere utilizzate nel nuovo contenuto che stiamo per creare.

Dove ricercare le parole chiave?

Esistono numerosi tool che consentono di eseguire la keywords research, alcuni gratuiti, altri a pagamento. Citiamo alcuni: Ubersuggest, SEMRush, Ahrefs, KWFinder e l’intramontabile Moz. Anche Google mette a disposizione alcuni tool e funzionalità dei suoi strumenti che consentono di fare e anche di affinare la ricerca: Google Suggest, Google Trend e il Google Keyword Planner, collegato a Google Ads.

Come ricercare le parole chiave?

bambino si è addormentato ricercando parole chiave

E chi ha detto che la ricerca di parole chiave sia facile?

Nell’esecuzione della ricerca dovranno essere evidenziati e approfonditi tutti gli aspetti necessari alla scelta corretta delle parole chiave. I più importanti sono:

  • volume di ricerca: è la quantità di ricerche di una determinata parola chiave, normalmente nel periodo di 1 mese;
  • grado di difficoltà: vuol dire quanto difficile sia posizionare quella parola chiave. Solitamente va da 0 a 100, dove 100 è il grado massimo;
  • quantità di click: dimostra quanto una determinata parola chiave sia cliccata. Naturalmente, più vicino al volume di ricerca, meglio è.
  • intento di ricerca: quando l’utente ricerca un determinato termine, cosa in fondo sta cercando? Diventa fondamentale in quanto alcune parole chiave hanno con sé un intento verso l’acquisto. Ad esempio, “migliori scarpe da running” porta con sé un intento di chi sta valutando l’acquisto tra i modelli disponibili. Invece, “quanto dura una scarpa da running” ha un valore informativo.
  • tendenza nel tempo: come il volume di ricerca di una determinata parola si sta comportando nel corso del tempo. Come sappiamo, i cambiamenti sono molto veloci e quindi capire il trend è imprescindibile.

Come scritto poco prima, la ricerca di parole chiave è spesso poco efficace anche tra gli addetti ai lavori. Perché? Molte volte, per non curanza o addirittura ignoranza non si approfondisce adeguatamente. Sia nella scelta di parole con intento diverso da quello necessario, oppure che non riguardano il settore o ancora con volume insufficiente per avere risultati. Qualunque sia la causa, il risultato di una ricerca di parole chiave fatta come non si deve produrrà lo stesso effetto: nessun resultato.

Perché è importante la ricerca delle parole chiave?

Adesso vogliamo approfondire il concetto appena elaborato sulla qualità della ricerca di parole chiave. Infatti, come già evidenziato, la mancanza o trascuranza di uno o più elementi nella ricerca di parole chiave produrrà dati difettosi.

Quindi, questi vizi inesorabilmente si trasmetteranno al contenuto che stiamo per creare, vanificandone gli sforzi. È esattamente qui l’importanza della ricerca delle parole chiave, cioè, essere il punto di partenza per un contenuto che intercetterà il pubblico necessario. Solamente avendo seguito tutti i passi necessari si creeranno i presupposti per il successo nel posizionamento dell’contenuto.

Con la scelta di parole con adeguato volume di ricerca e livello di difficoltà, appartenenti al settore del sito e con intento di ricerca consono al nostro obiettivo, abbiamo il primo e fondamentale ingrediente per produrre un contenuto efficace.

3 disguidi frequenti con le parole chiave

In precedenza, abbiamo visto i passaggi più determinanti nell’esecuzione della ricerca di keywords. In questo momento, guardiamo altri tre elementi che frequentemente capitano nella vita della SEO. Sono tre vere mine vaganti ad ostacolare il successo di un contenuto. Vediamoli insieme.

Il cliente chiede quello che non serve

In effetti capita spesso che il cliente ci dia “pronto” l’elenco delle parole necessarie a posizionare il suo sito. Basato nella nostra esperienza possiamo dire che solitamente queste parole sono un ottimo punto di partenza.

Nessuno può capire meglio un business che chi ci lavora giornalmente. Se prendiamo l’esempio di un commerciante di calzature, sicuramente sarà in grado di nominare i prodotti e termini fondamentali alla vendita. Ciò non vuol dire che sul mondo digitale questo si replichi.

Infatti, da un punto di vista digitale le cose sono normalmente diverse. Sia i nostri competitor saranno diversi da quelli dello store fisico (rimanendo nello stesso esempio), sia i termini utilizzati dai potenziali clienti nella loro ricerca saranno diversi. Anche qui sarà la ricerca di parole chiave a porre rimedio alla situazione. Diventa fondamentale capire in quel determinato settore quali parole faranno la differenza.

Molte altre volte il cliente chiede parole che all’apparenza possono risultare rilevanti ma… non hanno traffico. In quel caso, tutti gli sforzi per l’ottimizzazione organica saranno vanificati dalla mancanza di ricerche.

Le parole fornite non sono allineate con l’obiettivo

Un’altra situazione che capita molto spesso è che le parole indicate dal cliente non sono efficaci e spesso neanche riflettono le abitudini dei potenziali buyer.

Facciamo un esempio ipotetico, con qualche forzatura per rendere il concetto: un’azienda vuole posizionare il suo sito per il noleggio di barche a Jesolo (VE). Così, richiede insistentemente di posizionarsi per la parole chiave “marina di jesolo”. Quella che sembra di essere una scelta in linea con gli affari in realtà è un errore. Data l’esistenza della celebre discoteca Marina Club di Jesolo, naturalmente a Jesolo, l’intento di ricerca predominante è dedicato a questa attività, non alla prima.

La ricerca di parole chiave fatta correttamente, in questo caso saprà indicare altre soluzioni più idonee come “porto turistico jesolo”.

La manipolazione

Anche la ricerca di parole chiave manipolativa è una trappola da scongiurare. Sì, perché ancora nel 2020 sono tanti quelli che si occupano di SEO a credere ancora nella formula del keyword stuffing. e pericolosi dintorni.

La pratica consiste di iniettare nel testo tutte le parole desiderate per “massimizzare” i risultati. Dunque, in fase di ricerca si evidenziano “tutte” le parole necessarie. Anche quelle che in realtà avanzano. Successivamente, in fase di stesura, si utilizzano tutte quanti, in quantità abnormi, non importando quanto disconnesse siano tra di loro.

Risultato? La pagina non riesce a posizionarsi, il cliente sarà scontento e la SEO perderà punti perché “ancora una volta non ha funzionato”. Un capolavoro di disguidi, che capita più spesso di quanto si voglia credere.

un contenuto non potrà mai avere successo senza adeguata ricerca

La ricerca di parole chiave è un elemento fondamentale della strategia SEO

Spesso trascurata, la ricerca di parole chiave è un elemento fondante della strategia SEO di qualsiasi sito. Seguendo con scrupolo i passi necessari sarà possibile produrre un elenco di parole rilevanti per il nuovo contenuto che stiamo per creare.

Purtroppo, ciò non assicura il successo del nuovo pezzo appena creato. Allo stesso tempo, sicuramente un contenuto non potrà mai avere successo senza adeguata ricerca.

I passi e sfumature esistenti vanno naturalmente oltre quelli elencati. Abbiamo riportato solamente quelli più sensibili per riaffermare quanto sia vitale dedicare tempo a questo passaggio così imprescindibile all’efficacia e successo della SEO.

Social Shares

Iscriviti adesso alla nostra newsletter

Info, idee e aggiornamenti per il tuo business

Related Articles